www.mandalaraccontidiviaggio.com

Viaggi nell’anima e nel mondo

Birmania - La Pagoda Kyaiktiyo e la leggenda della Roccia d'Oro

In Myanmar, ex  Birmania c’è un luogo davvero mistico: la Pagoda Kyaiktiyo, conosciuta come la  Roccia d'Oro.

È una roccia di granito, alta sette metri e mezzo con una circonferenza di 15 metri, arrotondata e posato sul cucuzzolo del monte Kyaikto, a 1.100 metri di quota.

La leggenda narra che sia un capello del Buddha a tenere in  equilibrio  l’enorme masso.

Si racconta che un eremita ricevette in dono dal Buddha una ciocca di capelli e lo diede al Re Tissa, un re-mago della zona, a un patto che il re custodisse la ciocca sotto una roccia a forma di testa dell’eremita. Il re chiese aiuto a Thagyamin, una divinità buddhista, pere fare mergere una splendida roccia dal mare e collocarla qui. Fece costruire qui uno stupa, la piccola pagoda che porta il nome di “testa di eremita”.

Della ciocca sacra, rimase un solo capello che è custodito nello stupa e che garantisce, con la sua forza spirituale, l’equilibrio delle cose nel mondo e  anche del masso.

La Roccia d’Ora può essere toccata soltanto dai maschi, le donne devono stare a una certa distanza e coprire petto, gambe e braccia.

Lo stupa dorato è alto 7 metri. I pellegrini, negli anni, hanno appiccicato minuscole foglioline d’oro a scopo votivo su tutta la roccia che così oggi è diventata completamente dorata.

Per questo, la visita migliore si ha al tramonto di una giornata serena, nella stagione secca..

.