www.mandalaraccontidiviaggio.com

Viaggi nell’anima e nel mondo

Lisbona: la magia struggente del Fado e la sorpresa dell’Elevador

fado 01

fado 02

La magia struggente del Fado

Non so per quali strane vie del destino a 18 anni ho assistito in un teatro a un concerto di Amalia Rodriguez ma mi è tornato, improvvisamente, in mente passando davanti al Museo del Fado, che ho visitato, e il ricordo mi ha spinta ad andare ad ascoltarlo nuovamente dal vivo. Non sopporto i locali tipici per definizione e quindi ho rinunciato al Fado che si ascolta mentre si mangia in una locanda e ho optato per un piccolo teatro, Fado in Chiado, in cui ogni sera gli artisti si esibiscono con voci soliste sia femminili che maschili, chitarre di accompagnamento, atmosfera rilassata e tranquilla. Lo spettacolo dura un'ora ed è un ottima introduzione a questa musica struggente tipicamente portoghese.

Tecnicamente viene eseguito da una formazione musicale composta dalla voce che dialoga con la guitarra portuguesa accompagnati dalla viola do fado e dal cavaquinho, una chitarra di tipo spagnolo che produce le armonie ed i bassi. Talvolta alla formazione viene aggiunto il basso portoghese (baixo), a forma di chitarra spagnola, e anche una seconda chitarra portoghese.

fado 03

Il nome deriva dal latino fatum (destino) e si ispira al tipico sentimento portoghese della saudade che racconta di emigrazione, lontananza, separazione... Il termine Saudade può essere tradotto, approssimativamente, come un senso di nostalgia tanto legato al ricordo del passato quanto alla speranza verso il futuro.

L'uso della parola ha probabilmente origine all'epoca del colonialismo portoghese, quando iniziò ad essere usata per definire la solitudine dei portoghesi in una terra estranea, lontani dai loro cari, come anche quella di coloro che li attendevano a casa.

Amália Rodrigues, è stata la più conosciuta interprete del Fado a livello internazionale e cantava spesso proprio la saudade; quando morì nel 1999 fu inumata nel Pantheon nazionale tra altre personalità che hanno dato lustro al Portogallo.

La città dei sette colli

Lisbona è chiamata anche la città dei sette colli e percorrerla a piedi, benché sia affascinante, è certamente anche impegnativo ecco perché ho usato per percorrerla di tutto: tram, tuck tuck a motore e l’elevador.

Ogni volta che ho potuto mi sono servita dei classici tram del periodo anteguerra rimodellati che passano attraverso il quartiere di Alfama: le prime rotaie state poste nel 1873 e i primi tram erano trainati da cavalli da tiro poi, nel 1901, è arrivata la corrente elettrica e questo ha dato origine al nome Carro elétrico (trasporto a energia elettrica), che nel tempo è diventato Eléctrico, come si chiamano oggi i tram. Il più famoso è il giallo 28 che permette di attraversare tutti i quartieri più popolari e i luoghi più interessanti al solo prezzo di un biglietto ma il giorno che avevo deciso di prenderlo la fila era troppo lunga già all’alba e quindi ho optato per un tuck tuck elettrico, che mi ricordava la mia amata Asia!

fado 04 fado 05

fado 06

 

La sorpresa dell'Elevator

Altro luogo irrinunciabile di Lisbona è l’Elevador de Santa Justa: questo celebre ascensore, progettato nel XIX secolo, collega la collina del Bairro Alto con la vicina Baixa da cui si ha una visione panoramica pazzesca sopra il Rossio! È costruito in ferro ed è decorato con quadrifore e può ricordare la procedura di costruzione della Torre Eiffel ma, in realtà, non vi è alcun collegamento nella progettazione.
É un magnifico esempio di architettura gotica circondato da edifici neoclassici, in funzione dal 1905, era inizialmente alimentata da un motore a vapore, in seguito sostituito da quello elettrico. Raggiunge l'impressionante altezza di 45 metri e la struttura è costituita da due cabine di legno con particolari in ottone.

Dalla piattaforma di osservazione sono salita sulla scala a chiocciola che porta al punto più alto per godermi in lontananza il fiume Tago e la Praça do Rossio, la Baixa e il Castello di Sao Jorge, situati sulla collina opposta, e le rovine del Convento del Carmo!

fado 07

fado 08

 

Il mondo è un libro e chi non viaggia ne conosce solo una pagina. (Sant'Agostino)

Suggerimenti utili