www.mandalaraccontidiviaggio.com

Viaggi nell’anima e nel mondo

Giappone - La fioritura dei ciliegi: assistere ad un atto magico

art fiori 001

art fiori 002

Sakura Blossom Projections

Sono distesa sul divano e mi sto rilassando, in attesa che arrivi il momento di chiamare il taxi per andare a prendere il volo per il Vietnam… improvvisamente  compare la pubblicità di un volo a/r Roma Tokyo super scontato a condizione di pagarlo SUBITO e di partire l’anno successivo! Non so resistere e mi metto a cercare di capire su internet quando sarà la prossima famosa “fioritura dei ciliegi”… più o meno…
Lo stupore mi sommerge letteralmente quando scopro che, CON NOVE MESI DI ANTICIPO, i giapponesi hanno già calcolato esattamente quando e dove fioriranno i ciliegi!!! Ovviamente prenoto al volo e… parto per il Vietnam.

art fiori 003

Anche questo è il Giappone: il massimo della natura insieme al massimo della tecnologia e dell’efficienza. Oggi il tempo della fioritura è di tale importanza per i giapponesi che gli istituti che si occupano di previsioni meterologiche danno i bollettini di fioritura per tutte le isole e città del Giappone, differenziando addirittura i diversi parchi dentro le città. Quando sono arrivata all’aeroporto di Tokyo c’erano bellissimi depliants color ciliegio, in tutte le lingue con indicati esattamente i giorni e i luoghi della città dove avrei visto fiorire i ciliegi in quella settimana!!!

art fiori 004

art fiori 005

L'Hanami un appuntamento imperdibile 

La vita dei giapponesi è, ancora oggi in piena modernità, fortemente intrisa di riferimenti alla natura nei suoi molteplici aspetti e certamente quello che coinvolge tutta la popolazione di ogni età e condizione è proprio l’hanami, l’osservazione della fioritura dei ciliegi (sakura) che avviene nei mesi di marzo ed aprile. Questo evento richiama folle di giapponesi nei parchi e nei giardini, dove rimangono per tutta giornata e la serata, per ammirare gli alberi fioriti alla luce splendente del sole ed a quella artificiale notturna, arricchita da stupefacenti effetti speciali di cui loro sono maestri.

Il parco di Ueno


Nel parco di Ueno ho passeggiato in mezzo a dei veri e propri picnic di gruppi di 10/20 persone, che si siedono per terra sui vialoni, super organizzati con teli e innumerevoli borsone e pacchetti di cibi. Mangiano piatti preparati appositamente dalle bancarelle o portati da casa, in mega borse termiche super tecnologiche, a base di verdure intagliate artisticamente e pesce, il tutto contenuto nei bento, tipici vassoi a scomparti.
Il dolce tipico di questa festività, a cui non ho saputo resistere, è il sakura mochi, fatto con riso pressato insieme ad una pasta di fagioli, il tutto avvolto in una foglia di ciliegio salata, davvero delizioso. Un altro piatto tipico che ho mangiato, mentre anche io mi godevo la fioritura, è l’hanami-dango, polpette di riso servite con il the verde.

art fiori 006

art fiori 007

Ma perché questo momento è così importante per i giapponesi? Prima dell’ottavo secolo l’hanami riguardava essenzialmente gli ume, gli alberi di prugne, ma quando la corte imperiale si trasferì nel 794 a Kyoto, i ciliegi sostituirono i pruni e questo evento divenne sempre più speciale per la popolazione.

I samurai e il ciliegio


L’osservazione dell’hanami ha, in realtà, un profondo significato spirituale tipico del buddhismo zen: è un invito rivolto a tutti per riflettere sulla caducità della vita e della bellezza, rappresentata dal fiore stesso; tutto finisce, per quanto meraviglioso possa essere!
Un gentile anziano del luogo mi ha spiegato che i fiori di ciliegio rappresentavano, anche, simbolicamente i samurai, la cui vita forte, potente e piena di gloria, era destinata a spegnersi istantaneamente senza rimpianto. E come il ciliegio sprigiona tutta la sua bellezza in innumerevoli piccoli fiori brillanti, così i samurai, benchè limitati nella loro individualità, quando erano insieme formavano una poderosa ed inarrestabile armata. Anche per questo, nell’ultima guerra mondiale, i fiori di ciliegio splendevano con la loro bellezza dipinti sulle carlinghe degli aerei da combattimento giapponese.
Le sue ultime parole per me sono state: come basta un leggero alito di vento per disperdere questi meravigliosi fiori di ciliegio, così i samurai erano serenamente consapevoli che bastava un solo colpo di katana per porre fine ai i loro giorni gloriosi.
Impossibile non emozionarmi…

art fiori 008

art fiori 009

Ho trovato un video meraviglioso che voglio condividere con voi!

I sentieri si costruiscono viaggiando. (Franz Kafka)

Suggerimenti utili