www.mandalaraccontidiviaggio.com

Viaggi nell’anima e nel mondo

Sri Lanka – Il paese del buddhismo con i suoi mille antichissimi templi

Sri Lanka Viaggio fra i templi...

Il mio viaggio in Sri Lanka è stato davvero una meravigliosa sorpresa che mi ha offerto scenari inaspettati, cominciando dal nord che è la  zona delle città antiche dove un tempo sorgevano le capitali delle dinastie singalesi. Qui gli archeologi hanno riportato alla luce straordinari tesori sepolti sotto le foreste che nei secoli hanno coperto queste terre.

Ma lo Sri Lanka è anche il paese dove, secondo la tradizione, il Buddha si recò  tre volte e che scelse  come il luogo in cui la sua dottrina sarebbe sopravvissuta nella forma originale. Il buddhismo, infatti,  è la principale confessione religiosa di questo Paese e si respira ovunque l’atmosfera mistica e spirituale dei suoi templi e luoghi di culto.

Polonnaruwa

Ho iniziato  il mio viaggio da Polonnaruwa: per tre secoli capitale del regno singalese, oggi è un sito archeologico, patrimonio UNESCO, con un  complesso di templi meravigliosi.

E’ davvero un paradiso archeologico: rovine di palazzi, sale e vasche decorate da statue e raffigurazioni di animali, templi buddhisti e hindu, affascinanti statue di Buddha, lastre con antiche incisioni.

Sri Lanka 427 lav

Sri Lanka 432 lav

 Interessantissimo il Museo dove ho scoperto l’affascinante storia del regno e ho potuto vedere, grazie alle ricostruzioni plastiche, come fossero gli edifici e la città al tempo del loro massimo splendore (1.100 d.c. circa).

Ho visto una meraviglia dietro l’altra nella zona del palazzo Reale e del Quadrilatero e  sono rimasta davvero senza parole di fronte ad alcune delle statue del Buddha più belle dello Sri Lanka nel complesso di Gal Vihara e al quarto dagoba più grande del Paese, quello di Rankot Vihara. Il dagoba è un monumento buddhista., originario del subcontinente indiano, la cui funzione principale è quella di conservare reliquie e deve avere cinque elementi fissi: una base quadrata, una cupola emisferica, una torre a cono, una luna e un disco circolare. A livello simbolico, ogni dagoba rappresenta il corpo di Buddha e la sua parola, che portano verso l'illuminazione.

Sri Lanka 250 lav

Dambulla

A nord di Kandy c'è il Tempio d'oro di Dambulla, antecedente al I secolo a.C.,  il più imponente tempio di roccia dello Sri Lanka  ed è  formato da circa 80 grotte.

Le opere d'arte che si possono ammirare raccontano soprattutto la vita di Buddha, di cui ci sono ben 153 statue, alcune alte fino a 15 metri,  altre rappresentano invece le divinità hindu Visnu e Ganesh.

Qui ho visitato due templi scavati nella roccia: nel primo, Pahala Vihara, c'è una statua dorata del Buddha sdraiato, ma anche, inaspettatamente, piastrelle decorate che raffigurano scene bibliche come la cacciata di Adamo ed Eva dall'Eden. Il secondo tempio, l'Uda Vihara, si trova invece più in alto ed è celebre per i suoi affreschi. Queste grotte sono davvero antichissime, alcune risalgono al I secolo d.c. quando il re di Anuradhapura, cacciato dal suo regno, si rifugiò qui e fece edificare questi sontuosi templi, resi ancora più preziosi dai re che  succedettero.

 Vi consiglio di visitarle al tramonto, E’ incredibile la pace e la tranquillità che si respira in questo luogo, che a quest’ora è popolato solo da persone del posto che si recano qui in preghiera quando la luce tenue filtra attraverso le sagome degli edifici e crea quell’atmosfera suggestiva, perfetta per entrare in questo tempio così sacro ai singalesi.

Sri Lanka 216 lav

Sri Lanka 704 lav

Anuradhapura

Questo è stato il sito archeologico che più mi ha impressionato, anch’esso dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO, non solo per le sue incredibili dimensioni (praticamente una città), ma per la bellezza dei suoi dagobe e templi in rovina immersi nella foresta rigogliosa.

E’ stata una della antiche capitali di Sri Lanka e oggi le rovine dell'antica città, riscoperte all'inizio del XIX secolo, sono uno dei principali siti archeologici del mondo.

 Il più antico tempio di Anuradhapura è il Thuparama, che secondo la tradizione ospita la clavicola destra del Buddha. I più imponenti sono invece il Ruwanwelisaya che, completamente ristrutturato, di notte è illuminato in modo molto suggestivo, e lo Jetavanaramaya, con la sua altezza complessiva di 122 metri.

Sri Lanka 408 lav

C’è poi il Isurumunija Vihara, tempio Buddhista realizzato all’interno di una grotta con all’interno statue del Buddha tra le quali una grande sdraiata.Sempre ad Anuradhapura si trova lo Sri Maha Bodhi, un fico sacro cresciuto da un germoglio dell'albero di Bodhi originale, sotto al quale il Buddha stava meditando quando ottenne l'Illuminazione: è stato piantato nel 288 a.C. ed è dunque il più antico albero di cui si conosca la “data di nascita”. Un gruppo di guardiani lo accudisce da ben 2.000 anni. Questo luogo ha un’atmosfera magnetica, alimentata dai canti dei moltissimi fedeli che lo visitano ogni giorno per portare le proprie offerte. Da non perdere poi le vasche gemelle nei giardini di pietra del Kuttam Pokuna, usate un tempo dai monaci per il bagno rituale. Dei sedici luoghi sacri dello Sri Lanka toccati dal Buddha, ben otto sono a Anuradhapura!!.

Sri Lanka 383 lav

Sri Lanka 387 lav

Sigiriya

E’ il sito archeologico più spettacolare in assoluto, un’enorme roccia che spunta dalla foresta come un miraggio. Dichiarato Patrimonio UNESCO nel 1982, era abitato già in epoca preistorica: secondo la tradizione popolare il re Kassapa vi aveva fatto costruire una fortezza inespugnabile alla fine del 400 d.c. Quello che è storicamente provato è che fu un complesso monastico buddhista, abbandonato nel 1300, scoperto da un archeologo inglese alla fine dell’800.

Più o meno a metà percorso si trova una delle meraviglie assolute di questo complesso: lungo una galleria scavata nella roccia si possono ammirare antichi affreschi che rappresentano donne dalle forme prosperose, personaggi del buddhismo tantrico. I colori accesi di questi dipinti, perfettamente conservati, sono davvero incredibili!

Sri Lanka 342 lav

Continuando a salire si raggiunge una piattaforma, alla base dell’ultimo tratto di roccia, dove troneggiano due enormi zampe che facevano parte di un’imponente statua di leone che dà il nome al sito (sigiriya significa infatti “rocca del leone”), simbolo del potere di Buddha.

Qui ho concluso il mio straordinario viaggio tra i templi buddhisti dello Sri Lanka!

 

Non si può essere infelici quando si ha questo:
l'odore del mare, la sabbia sotto le dita, l'aria, il vento. (Iréne Némirovsky)

Suggerimenti utili